db_logo ...divisione Fotovoltaico

homehomedove_siamocontatti
Il nostro inizio, il nostro percorso, il nostro fututo...

E' così che DB Energy srl ha iniziato il suo percorso: installando impianti fotovoltaici ad altissima efficienza.
Nel 2009 abbiamo iniziato la nostra collaborazione con una delle azienda più grandi e più importanti al mondo nel settore delle Energie Rinnovabili, Solon spa, azienda produttrice di moduli fotovoltaici mono e poly cristallini con sede in Germania, la quale vanta anche un'importane sede in Italia, a Carmignano di Brenta (PD).

solon_partner

Nei 4 anni di attività abbiamo sviluppato un'importante mole di lavoro che ci ha permesso di migliorare le nostre capacità, siamo orgogliosi di poter dire di aver installato e promosso circa 100 impianti fotovoltaici che variano dal domesitico (3 kWp) all'agricolo (sotto i 200 kWp) all'industriale (oltre i 200 kWp) per una potenza totale complessiva di oltre 1,7 MWh. Abbiamo pertanto contribuito alla produzione di 1.800.000 kWh di energia pulita annua evitando ogni anno l'immissione nell'ambiente di:
  • 892.812 KG CO2 - anidride carbonica
  • 1.207 KG SO2 - ossidi di zolfo
  • 940 KG NOx - ossidi di azoto
  • 42 KG di polveri
  • 335 TEP - tonnellati equivalenti di petrolio
Cos'è il fotovoltaico?
Un impianto fotovoltaico è un impianto elettrico che sfrutta l'energia solare per produrre energia elettrica mediante effetto fotovoltaico. Gli impianti fotovoltaici sono generalmente suddivisi in due grandi famiglie: impianti ad isola (in inglese "stand-alone") e impianti connessi ad una rete di distribuzione gestita da terzi (in inglese "grid-connect").


IMPIANTI AD ISOLA (stand-alone)
Questa famiglia identifica quelle utenze elettriche isolate da altre fonti energetiche, come la rete nazionale in AC, che si riforniscono da un impianto fotovoltaico elettricamente isolato ed autosufficiente. I principali componenti di un impianto fotovoltaico a isola sono generalmente:
stand-alone
  • Campo fotovoltaico, deputato a raccogliere energia mediante moduli fotovoltaici disposti opportunamente a favore del sole;
  • Regolatore di carica, deputato a stabilizzare l'energia raccolta e a gestirla all'interno del sistema;
  • Batteria di accumulo, costituita da una o più batterie ricaricabili opportunamente connesse (serie/parallelo) deputata/e a conservare la carica elettrica fornita dai moduli in presenza di sufficiente irraggiamento solare per permetterne un utilizzo differito da parte degli apparecchi elettrici utilizzatori.
  • Inverter altrimenti detto convertitore DC/AC, deputato a convertire la tensione continua (DC) in uscita dal pannello (solitamente 12 o 24 volt) in una tensione alternata (AC) più alta (in genere 110 o 230 volt per impianti fino a qualche kW, a 400 volt per impianti con potenze oltre i 5 kW).

IMPIANTI CONNESSI AD UNA RETE (grid-connected)
Questa famiglia identifica quelle utenze elettriche già servite dalla rete nazionale in AC, ma che immettono in rete la produzione elettrica risultante dal loro impianto fotovoltaico (tutta o in parte), opportunamente convertita in corrente alternata e sincronizzata a quella della rete. I principali componenti di un impianto fotovoltaico connesso alla rete sono:
grid_connected
  • Campo fotovoltaico, deputato a raccogliere energia mediante moduli fotovoltaici disposti opportunamente a favore del sole;
  • Inverter, deputato a stabilizzare l'energia raccolta, a convertirla in corrente alternata e ad iniettarla in rete;
  • Quadristica di protezione e controllo, da situare in base alle normative vigenti tra l'inverter e la rete che questo alimenta.
  • Componente spesso sottovalutata, i cavi di connessione, che devono presentare un'adeguata resistenza ai raggi UV ed alle temperature.